Pene curvo: si può risolvere ma…

Molti uomini sottovalutano l’aspetto della curvatura del pene, in realtà la forma del pene può presentare alcune problematiche e non può essere risolta con pillole o esercizi; un pene curvo o storto non si può raddrizzare semplicemente con l’assunzione di prodotti naturali o mediante esercizi di trazione.

Procedendo con l’allungamento del pene possono manifestarsi delle problematiche, come appunto un’eccessiva curvatura del pene quando esso è in erezione; in tale situazione il membro può curvarsi eccessivamente verso sinistra o destra, oppure verso l’alto o il basso. Una leggera curvatura può essere normale, ma quando si presenta in modo esagerato occorre intervenire in qualche modo per ridurla.

Quello che si deve sapere per prima cosa è che la curvatura del pene può essere risolta senza particolari problemi, ma quello che molti non sanno è che ci sono diversi aspetti che occorre sapere prima di intervenire; infatti, non si può agire sempre allo stesso modo.
La problematica del pene curvo è conosciuta come Malattia di La Peyronie o induratio penis plastica (IPP), che consiste in una curvatura del membro e che può rendere i rapporti sessuali dolorosi e in molti casi impossibili in quanto non si riesce a portare a termine una corretta penetrazione.
Gli uomini che ne soffrono spesso se ne vergognano e difficilmente riescono ad affrontare il problema con la propria partner. Anche parlarne al proprio medico diventa imbarazzante.

Come riconoscere la malattia di La Peyronie

induratio penis plastica

Nel mondo esiste una malattia che accomuna alcuni uomini, viene chiamata malattia di La Peyronie o induratio penis plastica (IPP).
In poche parole si manifesta con un’eccessiva curvatura del pene che è causata da un piccolo nodulo o da una o più zone rigide attorno al pene che causano dolore durante la fase di erezione e, ovviamente, anche durante la penetrazione.
Per capire se si è affetti da questa fastidiosa patologia, bisogna considerare anche la propria età, in quanto colpisce molte volte uomini tra i 45 e i 65 anni. Se non rientrate in questa fascia di età, ma notate una curvatura sul vostro pene, è molto probabile che non siete affetti dalla malattia di La Peyronie. Se invece rientrate nella fascia di età dei 45/65 anni è bene farsi visitare da un urologo per degli accertamenti.

Se invece siete più giovani ma il vostro pene è curvo?

Come abbiamo già detto sussistono dei problemi estetici per gli uomini che soffrono di pene curvo, anche quando non si tratta di malattia di La Peyronie.
Molte volte questo tipo di problema non salta subito all’occhio, altre volte invece le curvature possono essere più accentuate. Questo però non deve spaventare, in quanto un terzo della popolazione maschile nel mondo ha un pene non perfettamente dritto.

La causa di questa curvatura è dovuta alla conformazione del pene stesso. Infatti il membro è composto da tre camere in cui il sangue fluisce ogni qual volta si presenta l’erezione.
Se una di queste camere non è sviluppata, formerà una curvatura. Infatti è possibile modellare manualmente una di queste camere e senza volerlo si creerà una curvatura, che in alcuni casi potrebbe essere piuttosto evidente ed antiestetica.
Ma come è possibile? Ciò avviene quando l’uomo (soprattutto in età adolescenziale) si masturba in modo errato, portando il membro sempre da un lato invece che tenerlo dritto. Continuando a masturbarsi in maniera errata, infatti, il pene tenderà ad assumere una curvatura innaturale.
Anche quando ci si masturba, quindi, occorre una certa accuratezza cercando di mantenere il pene più dritto possibile evitando così spiacevoli inconvenienti in futuro. Questo è un consiglio indirizzato soprattutto ai giovanissimi che iniziano a conoscere il sesso, appunto, con la masturbazione.

Come si può correggere un pene curvo

Esistono molti motivi che spingono un uomo a correggere in difetto del pene storto.
Il primo è sicuramente l’aspetto estetico, in quanto un pene curvo può preoccupare la propria partner. Mentre un secondo motivo è quello di evitare di procurare dolore a se stessi o alla propria partner durante la fase di penetrazione, soprattutto quando essa è piuttosto profonda.
Tralasciando alcuni casi in cui il pene è eccessivamente storto, questa motivazione può essere tranquillamente scartata. Infatti, un pene leggermente curvo potrebbe essere più apprezzato dalle donne in quanto andrebbe a stimolare particolari zone erogene. Un pene perfettamente dritto e senza curve non potrebbe andare a toccare queste zone, pertanto il piacere femminile sarebbe decisamente inferiore.

Ma se, comunque, si vuole correggere questo difetto, per prima cosa è bene rivolgersi ad uno specialista come un urologo o un andrologo che, dopo un’attenta visita sapranno consigliare la soluzione migliore.

Per correggere un’eccessiva curvatura del pene esistono due modi: la chirurgia e gli esercizi manuali.
Gli esercizi consistono nella stimolazione dell’apparato maschile per correggere le curvature, o molte altre imperfezioni, che aiutano a donare salute e benessere al membro.
Inoltre questi sono di grande aiuto per far si che l’afflusso di sangue nel pene migliori, aumentando di conseguenza l’erezione, l’ingrossamento e la durata del rapporto sessuale.

Esercizi per correggere il pene storto

esercizi jelqing

Il problema del pene storto può essere ridotto attraverso regolari esercizi manuali. Questi esercizi possono portare dei buoni risultati in circa 1 o 2 mesi, e in questo lasso di tempo il problema potrebbe risolversi o, comunque, ridursi radicalmente.

Gli esercizi per correggere questo difetto del pene curvo sono quattro e sono molto simili agli esercizi di Kegel, al Jelqing e allo Stretching, e seguono tutti una sola logica molto semplice ossia di applicare l’esercizio dalla parte opposta da dove si presenta la curvatura. Tutti gli esercizi devono essere effettuati quotidianamente, preferibilmente alla sera quando ci si rilassa; devono essere effettuati senza fretta e con la massima attenzione. In commercio ci sono degli strumenti per effettuare questo tipo di esercizi, ma in mancanza di essi possono essere effettuati anche manualmente.

Per l’esecuzione di questi esercizi, inoltre, si raccomanda l’utilizzo di gel per il pene che, oltre a favorire il raddrizzamento del membro maschile, ne favoriscono l’allungamento.

Leggi l’articolo sui migliori gel per il pene

Ecco i 4 esercizi per risolvere il problema del pene curvo:

  • Straight Stretch: questo esercizio va eseguito unicamente sul lato opposto della curvatura. In questo modo la camera circolare più corta del membro potrà crescere e si uniformerà con le altre due camere.
  • Side Jelq e Mini Jelq: entrambi appartengono alla categoria degli esercizi del Jelqing, e servono principalmente per migliorare l’afflusso di sangue che arriva al pene durante l’erezione. Questi esercizi si svolgono durante l’erezione, anche se non è completa.
    La differenza tra questi due esercizi è che il Side Jelq può essere effettuato anche per quelle curvature che si protendono verso l’alto o verso il basso, mentre il Mini Jelq no. Anche in questi due casi vale sempre la regola di effettuare questi esercizi al contrario della curvatura del pene.
  • Straight Bends: in verità sono due esercizi (Slinky e il Flaccid Bend) e devono essere svolti con il pene non in erezione. Questi sono soprattutto indicati per risolvere il problema del pene curvo, ma sono di difficoltà elevata, e ciò vuol dire che per eseguirli bisogna prestare la massima attenzione per evitare di farsi male.
    Sostanzialmente questi esercizi consistono nel formare, con il membro, una curva di 180°.

9 commenti su “Pene curvo: si può risolvere ma…”

  1. Dott. Buongiorno ho 57 anni ,mi sono accorto ,tre quadro mesi a questa parte ,di avere il pene un curvo ,da tutto questo credo che sia successo avendo un rapporto con la mia compagnia quando sono venuto ho sentito un forte bruciore ,sono andato da l uorologo ,mi ha detto che avevo una candida ,o candidosi ,mi sono curato del tutto ,nel arco di questi mesi ho notato questa curva ,non lo se la conseguenza e stata questa ,mi potrebbe darmi una spiegazione in merito grazie

  2. Buongiorno, il problema del pene curvo potrebbe essere dovuto ad altro, non alla candida. Le consiglio di rivolgersi ad uno specialista andrologo per le indagini del caso. Buona giornata!

  3. Le consigliamo di eseguire degli esercizi di stiramento del pene. Sono ben descritti sul nostro sito. Nel caso in cui non dovesse ottenere risultati, le consigliamo una visita specialistica da un medico andrologo.

  4. Buongiorno, mi hanno diagnosticato la malattia peyronie lo scorso anno, mi hanno fatto una decina di iniezioni per ammorbidire la placca e nel contempo ho usato spesso l’androbath med .. visto pochi risultati … vi è qualche altra terapia per portare il pene alla quasi normalità….? grazie

  5. Io ho avuto un piccolo cedimento alla parte i iniziale del pene e quindi non ho una buona erezione che viene verso alto

  6. salve, vorrei sapere come trovare la spiegazione degli esercizi sul sito, poichè non li trovo. Grazie.

Lascia un commento

×