Come allungare il pene

Tauro Gel, crema italiana per allungamento pene

ORDINA ORA!

Per alcuni è una chimera, per altri un’utopia, ma in ogni caso è da sempre un tema centrale della psicologia maschile quello relativo alle possibilità di poter allungare il pene.
I maschi che sono alla ricerca del metodo per aumentare le dimensioni del loro pene, sono in realtà alla ricerca di una soluzione che consenta loro non solo di avere lunghezza e larghezza maggiori, ma anche di ottenere erezioni più potenti e una durata del rapporto prolungata.
In molti casi le cose vanno di pari passo, anche perché una componente fondamentale per raggiungere uno stato di buona erezione è l’aspetto psicologico: il fatto di avere un pene di buone dimensioni aiuta ad essere più sicuri di se stessi, avere maggiore autostima e vincere lo stress da prestazione.

Allungamento del pene: conoscenze preliminari e metodi a disposizione

pene

La prima domanda che si pongono gli uomini che vorrebbero avere dimensioni del membro maggiori è questa: “E’ davvero possibile? E’ una cosa realizzabile oppure solo un sogno?”. La risposta è Sì! Con determinati metodi è davvero possibile ottenere dei miglioramenti in termini di lunghezza e di vigore dell’organo sessuale, con relativi benefici sulla propria autostima e quindi anche sulla qualità dei rapporti sessuali. Ne consegue anche una maggiore solidità del rapporto sentimentale con la propria partner.

Le strade da percorrere finalizzate all’allungamento del pene sono essenzialmente due: l’intervento chirurgico e i metodi naturali (una macrocategoria a parte che analizzeremo nel dettaglio).

Prima di passare però alla descrizione di queste due metodologie è utile innanzitutto dare alcune spiegazioni “tecniche” sulla struttura dell’organo sessuale maschile, precisazioni che saranno sicuramente d’aiuto per una migliore comprensione dei metodi che successivamente andremo a trattare.

Il pene – volendo semplificare al massimo – è composto da una parte superiore, il glande, e dalla cosiddetta asta. Il glande è “la testa” del pene. Sulla sua estremità si trova l’apertura uretrale, dalla quale fuoriescono l’urina e lo sperma. Questa zona ha molte terminazioni nervose e quindi è molto sensibile. E’ la parte del corpo maschile più ricca di ricettori del piacere, composto da un tessuto morbido simile a una spugna (corpi cavernosi), irrorato da molti vasi sanguigni che, durante l’eccitazione sessuale, si riempiono di sangue, determinando quindi il fenomeno dell’erezione.

L’asta del pene è la parte compresa tra la base e il glande. Quando il pene è in stato di riposo, la pelle sull’asta è morbida ed elastica, il pene in questa situazione è di dimensioni ridotte. Molta gente pensa che l’asta del pene sia una zona molto meno sensibile rispetto al glande. Alcuni uomini, invece, ritengono che l’asta sia molto sensibile, soprattutto se si esercita una certa pressione nella zona più vicina al glande; questa zona risulta più morbida (anche quando il pene è eretto) e maggior irrorata, quindi più sensibile.

Nel pene non ci sono né ossa né cartilagini. Dopo l’eiaculazione o in caso di cessazione degli stimoli, il pene ritorna allo stato flaccido. I peni possono avere differenti misure, ma le dimensioni non hanno niente a che vedere con il funzionamento.

Per quanto riguarda le dimensioni è ormai considerato uno standard condiviso una lunghezza media (misurata dall’osso pubico alla punta del glande) 9,16 cm di lunghezza, e 9,13 di circonferenza, quando l’organo è “a riposo”, e 13,12 cm di lunghezza, per 11,66 di circonferenza, quando invece è in erezione. Se il pene misura meno di 7,6 cm ( in fase di erezione) si parla di micropenia.

Tauro Gel, crema italiana per allungamento pene

ORDINA ORA!

Intervento chirurgico o metodi naturali: quale strada seguire?

intervento chirurgico pene

Per chi soffre di particolari disturbi provocati da problemi quali la micropenia o la sindrome del pene piccolo, esiste un rimedio definitivo ma invasivo che si ottiene tramite procedimento chirurgico.

L’intervento chirurgico che permette l’allungamento del pene prevede sostanzialmente la recisione del legamento che si occupa di mettere in collegamento il membro maschile e l’osso pubico: durante l’operazione chirurgica questo legamento viene reciso e, tra la sezione e il legamento, viene posizionata una protesi distanziatrice in silicone che consente di aumentare la lunghezza del pene.

I risultati in termini di allungamento oscillano in media in un range che va dai 2 ai 5 centimetri: solitamente chi si presta a questa tipologia di operazione risulta soddisfatto dai risultati ottenuti.
Tuttavia, nel periodo successivo all’intervento è necessario praticare un particolare ed essenziale tipo di stretching per prevenire pericolose complicanze come l’accorciamento del pene. Inoltre, per almeno un mese è sconsigliabile avere rapporti sessuali e/o effettuare la masturbazione onde evitare lesioni della cicatrice.

Per aumentare il diametro del pene per questioni del tutto estetiche, invece, esistono altre tecniche che possono prevedere una semplice terapia di iniezioni, oppure interventi chirurgici mirati. Una delle prime tecniche utilizzate prevede il prelievo di grassi da altri tessuti corporei, anche se il rischio di riassorbimento del grasso è molto elevato e quindi non garantisce il pieno risultato dell’intervento a lungo termine. È opportuno tenere in considerazione che intervenire sul proprio corpo in modo chirurgico, esclusivamente per ragioni estetiche, può essere tanto imprevedibile quanto dannoso. Si consiglia, pertanto, di vagliare tutte le possibili cure prima di prendere decisioni troppo affrettate di cui ci si potrebbe pentire.

Allungare il pene in modo naturale

I metodi naturali per incrementare le dimensioni del pene includono invece ogni tipo di esercizi, alimenti e tecniche fisiche che promettono di aumentare le dimensioni del tuo membro senza ricorrere a costose chirurgie.

Gli esercizi di allungamento penieno svolgono la funzione di elasticizzare e rinforzare le cellule del pene, al fine di tonificarlo e mantenerlo in salute. La vera particolarità di questi esercizi manuali è senza alcun dubbio la crescita permanente dei tessuti interni, con conseguente aumento della lunghezza del pene. Infatti quando un muscolo o un tessuto viene sottoposto a un certo tipo di allenamento costante, sviluppa delle micro-lacerazioni cellulari che vengono poi riparate dall’organismo durante i momenti di riposo dell’organo.

Tali micro lacerazioni non sono dannose per l’organismo cellulare poiché sono delle normali conseguenze dell’allenamento dei muscoli (come l’allenamento che viene effettuato in palestra).
Sono possibili diversi tipi di stimolazione del pene che non arrecano né fastidio né dolore. Gli esercizi stimolano il sesso e migliorano la qualità e la quantità del piacere sessuale. Essi agiscono in tre modi:

  • Estendono i legamenti
  • Aumentano la massa
  • Ossigenano i tessuti

Tauro Gel, miglior prodotto per l’allungamento

ORDINA ORA!

Vediamo di seguito quali sono i metodi naturali più famosi e i loro effetti:

  • Compressione manuale. tali esercizi si fanno usando entrambe le mani e stringendo il pene, forzando la circolazione dalla base al glande. Questa tecnica è più sicura rispetto agli altri metodi, ma può in ogni caso causare dolore o lesioni anche permanenti.
  • Stretching con pesi. Questi esercizi comportano l’uso di pesi attaccati al pene non eretto, ma li sconsigliamo vivamente perché possono causare lesioni permanenti.
  • Esercizi Jelqing. Il metodo Jelqing è un allenamento per il muscolo del pene che può migliorare la circolazione del sangue e la pressione arteriosa per ottenere erezioni più vigorose. Con questi esercizi naturali è anche possibile aumentare la lunghezza e lo spessore del pene dopo molteplici sessioni di allenamento. Il processo sembra molto simile a quello di mungere una mucca o masturbarsi, massaggiando il pene dalla base fino alla parte superiore, frenando il movimento appena prima di arrivare al glande.
  • Esercizi di Kegel. Gli esercizi di Kegel servono principalmente a rafforzare il pavimento pelvico. Possono essere molto benefici, poiché si utilizzano nel trattamento di problemi quali l’incontinenza urinaria e soprattutto l’eiaculazione precoce, dal momento che possono ottimizzare il tuo controllo degli orgasmi. Sebbene gli esercizi di Kegel apportino molti benefici, è consigliato eseguirli se il tuo obiettivo è quello di prevenire l’eiaculazione precoce (quindi durare più a lungo durante il sesso), ma queste tecniche non hanno nessun tipo di effetto sulle dimensioni del pene.

Sia per il metodo Jelqing che per la tecnica dello stretching del pene, si raccomanda sempre l’uso di prodotti specifici, come gel o creme per il pene. Tali prodotti, infatti, permettono una corretta lubrificazione e favoriscono l’afflusso di sangue ai corpi cavernosi, con conseguente aumento di dimensioni del pene.

Lascia un commento

×